Il tunnel perfetto – Incontro con Dario Costa

Incontro con il primo pilota che ha stabilito un doppio Guinness World Record volando all'interno di due tunnel autostradali

di
Come recita la prefazione al libro “Il tunnel perfetto è la storia di un bambino che a 12 anni sogna di poter volare a bordo di un tappeto volante per fuggire da un mondo ostile”. Un'avventura iniziata in Iran per giungere 40 anni dopo in quel di Istanbul, dove Dario ha scovato il doppio tunnel che offrisse dimensioni e linearità per progettare un percorso in volo, a bordo di un monoposto. La scienza ha contribuito a rendere possibile la realizzazione di quello che è diventato il record entrato nella storia del Guinness dei primati. Tecnologia e ricerca han fatto la loro parte, ma è stato l'uomo e il pilota a fare la reale differenza, una sfida resa possibile in virtù di talento, coraggio e dedizione assoluti.
 
Un incredibile livello di preparazione valutando e approfondendo in misura spasmodica ogni singolo elemento variabile per uomo e macchina in grado di innescare paura, e per questo soggetto ad analisi e applicazione della relativa soluzione. Mesi di lunga ed estenuante preparazione per bruciare un tragitto in poco più di 40” secondi, dove a incidere sul risultato poteva essere un “semplice” battito di palpebre in più. Uno scarto di pochi millisecondi, ma un'eternità di tempo e il rischio di non riuscire a intervenire per correggere la traiettoria: un margine di errore talmente basso che lo stesso Dario, da noi intervistato, non ha osato dettagliare ulteriormente.
 
Da che esiste l'aviazione nessuno ha mai tentato una simile impresa, ma il record all'interno del record per questo straordinario pilota acrobatico è stato quello di vincere la propria paura delle vertigini, ottenere il brevetto civile e diventare insegnante di volo, passando poi a quello acrobatico. E a sentir parlare Dario della sua impresa da Guinness si ha ancor più la certezza che per uno come lui, che per sua stessa affermazione non ama vivere unicamente nella propria comfort zone, questo record mondiale sia solo una tappa delle future sfide che già lo attendono.